Intermedio, Podcast

I trasporti in Italia (o meglio, a Torino) – Intermedio #30

Listen to this episode on Apple PodcastsSpotify, or any podcast app of your choice.

Fai una lezione di italiano con me su Italki e ottieni gratuitamente 10 $ in crediti di italki!

[Introduzione improvvisata senza trascrizione. Il testo inizia a 03:40]

Oggi vi parlerò dei trasporti pubblici in Italia, o perlomeno a Torino. Inizialmente volevo fare un episodio sullo “spostarsi” in Italia, includendo pure una parte sulla guida in Italia, ma poi ho pensato che sarebbe stato interessante dedicare un intero episodio a questo argomento, quindi oggi mi limiterò a parlare dei trasporti pubblici a Torino, la mia città.
Ad essere precisi, non vivo esattamente a Torino, ma un pochino fuori, nella cosiddetta provincia di Torino: questo è un elemento importante nella nostra narrazione che complica tutto.
Per andare a Torino dalla mia cittadina con i mezzi pubblici ci sono due opzioni: si può prendere il treno, che ci mette circa 20 minuti, oppure si può andare in metropolitana. Partiamo da quest’ultima, sulla quale ho meno cose da dire perché in realtà funziona generalmente bene. La metropolitana è stata costruita nel 2006 in occasione delle olimpiadi invernali di Torino e di conseguenza è abbastanza moderna, anche se è limitata perché esiste solamente una linea e non si sa se e quando verrà costruita una seconda linea.

Guida = driving
Mi limiterò a parlare = I’m only going to talk about, lit. “I will limit myself to talk about”
Ci mette = ci impiega – it takes
In occasione delle olimpiadi invernali = on the occasion of the Winter Olympics

Per prendere la metro (o “il metrò”, come lo chiamano alcuni torinesi francofili) è necessario andare al capolinea della metropolitana, ovvero una delle due stazioni alle estremità della linea. Per arrivarci in macchina da casa mia ci vogliono una decina di minuti circa. “Ma Davide!”, esclamerete. Questo è un episodio sui mezzi pubblici! Se non ho la macchina come faccio? Beh, alla metro puoi arrivarci in pullman, ma devi accettare il fatto che ci impiegherai molto più tempo (almeno 30-40 minuti stando a Google Maps) e la sera probabilmente dovrai aspettare e sperare che passi un pullman. Avete notato che uso la parola “pullman”? Se non lo sapevate, “pullman” in italiano è un sinonimo di “autobus”.
Dalla mia città passa anche il treno, che in una ventina di minuti porta nel centro di Torino. E questo è un lusso, perché non tutte le città hanno una stazione ferroviaria. Il problema del treno è che negli orari di punta (la mattina e la sera, quando la gente va e torna dal lavoro) è decisamente sovraffollato e spesso è difficile trovare posti a sedere. In generale Trenitalia, la compagnia statale che si occupa del trasporto tranviario, è tradizionalmente molto criticata. Noi italiani amiamo lamentarci di Trenitalia e siamo anche creativi nel fare battute e nel lamentarci dell’inefficienza del servizio, sui ritardi, sulle cancellazioni, sull’aria condizionata a volte assente d’estate con 35 gradi fuori, ecc.

Capolinea = terminus – fine della linea
Decina = circa dieci (ventina, trentina, quarantina, ecc.)
Mezzi pubblici = trasporti pubblici
Ci impiegherai = ci metterai (vedi sopra)
Pullman = autobus
Stazione ferroviaria = stazione dei treni (ferrovia = railways)
Orario di punta = rush hour
Sovraffollato = overcrowded
Posti a sedere = seats
Tranviario = ferroviario
Fare battute su qualcosa = joke about

Per quanto riguarda l’azienda pubblica di trasporti della città, che a Torino si chiama GTT (Gruppo torinese trasporti), la situazione non è molto migliore. Come ho già detto in un episodio recente, a Torino abbiamo ancora diversi tram degli anni 70, che in realtà si compongono di vagoni a loro volta costruiti negli anni 30! Potete immaginare il casino, ovvero il forte rumore che fanno quando passano. Ci sono anche tram un po’ più moderni, ma comunque i più recenti risalgono ai primi anni 2000 e hanno ormai già una ventina di anni. Per quanto riguarda i pullman la situazione non è molto migliore, dato che molto spesso i veicoli sono abbastanza vecchiotti, ma, soprattutto, sono spesso pienissimi negli orari di punta e non sempre puntuali.
Non escludo però che la situazione a Torino sia migliore rispetto ad altre città, come Roma, in cui i trasporti pubblici sono tradizionalmente un settore in grandissima difficoltà.
Una caratteristica peculiare che non amo dei trasporti pubblici in Italia è che, al contrario di qualsiasi altro paese europeo che ho visitato, non ci sono macchinette per comprare i biglietti del pullman o del tram, né sui mezzi, né alle fermate! I biglietti di pullman e tram vanno comprati o in edicola, ovvero quei chioschi dove si comprano anche i giornali, o in tabaccheria, negozi che, come suggerisce il nome, vendono sigarette, ma anche tante altre cose (tra cui i biglietti). Questo è molto scomodo quando le edicole o le tabaccherie sono chiuse, perché non c’è modo di comprare i biglietti. In questi casi, se non si è abbonati, si è obbligati a fare quello che molti italiani purtroppo fanno, ovvero viaggiare senza biglietto. Oppure andare a piedi. Ora, forse in altre città italiane sono state adottate soluzioni più al passo coi tempi (a Firenze so per esempio si possono comprare i biglietti dal telefono) e inoltre se uno ha un abbonamento questo non è un problema. Mi metto però nei panni di un turista che, disorientato, cerca di capire come comprare un biglietto, magari la sera, e non capisce come diavolo farlo.

Si compongono di = sono composti di = are composed of
Casino = forte rumore (qui, in altri casi significa disordine, “mess”)
Risalire = to date back to
Macchinetta = ticket machine
Fermata = stop
Vanno comprati = si comprano = devono essere comprati
Edicola = newsstand
Tabaccheria = tobacco shop
Abbonato = che ha l’abbonamento (season ticket)
Al passo coi tempi = up to date, in step with the times – moderno
Disorientato = confuso
Come diavolo farlo = how the hell to do it


Nel mio caso specifico c’è anche un altro problema abbastanza grande: la mia città e Torino sono praticamente non collegate dopo la mezzanotte durante la settimana. Non c’è modo di tornare da Torino alla mia città: né in treno (non ci sono più treni), né in metropolitana (è chiusa), né con i mezzi (c’è solo un autobus ma parte da una zona di Torino non molto centrale). Quindi se uno esce e va a Torino la sera deve o tornare prestissimo (il che è molto triste), o prendere un taxi (e spendere un patrimonio) oppure andare in macchina (e affrontare l’incubo della ricerca del parcheggio, di cui parleremo però nel prossimo episodio). Ed è per questo che, secondo me, l’Italia è un paese per automobilisti: senza l’auto si è molto limitati, soprattutto fuori dalle grandi città (ma nemmeno COSì fuori, vivo a 15 km da Torino, non in una campagna sperduta). Ma di automobili e guida parlerò in un altro episodio, che sicuramente sarà frizzantino.
Per concludere, la cosa che mi manda in bestia, cioè che mi fa arrabbiare, è vedere l’efficienza e la modernità dei trasporti pubblici in altri paesi, anche tradizionalmente meno forti economicamente dell’Italia, come la Polonia. Non conosco a fondo la questione, però colpisce il fatto che in una delle 10 economie più forti al mondo i trasporti pubblici abbiano così tanti problemi e siano così inadeguati.
Ok, sono arrivato alla fine di questo episodio e mi rendo conto che dopo questo episodio e l’episodio “L’Italia fa schifo” (il cui titolo è provocatorio, ricordo) sembro un po’ brontolone che sa solo lamentarsi. Prometto che cercherò di fare episodi un pochino più positivi in futuro, però penso sia anche interessante parlare dei lati un po’ più negativi del nostro paese e non solamente di quanto sia buona la pizza, di quanto sia bello il mare, di quanto siano belle le nostre chiese e il nostro patrimonio culturale. Voi che ne pensate? Fatemi sapere se avete avuto esperienze con i trasporti pubblici in Italia e come sono se paragonati al vostro paese. Mi raccomando, siate onesti.

Collegate = connected
Patrimonio = tantissimo soldi
Incubo = nightmare
In una campagna sperduta = far away in the countryside (sperduto = remote, godforsaken)
Frizzantino = interessante, vivace (slag)
Mi manda in bestia = drives me crazy
Conoscere a fondo = I don’t fully understand
Colpisce = sorprende, stupisce – it’s surprising
Brontolone = grumpy, a curmudgeon – una persona che si lamenta sempre


[Outro improvvisata e non trascritta]

13 thoughts on “I trasporti in Italia (o meglio, a Torino) – Intermedio #30”

  1. Buongiorno Davide. Mi piace molto i tuoi video. Sono brasiliana e sto imparando l’italiano da 3 anni. Anno scorso sono stata a Torino da fare un corso d’italiano. Torino è bellissima e mi è piaciuta tantissimo. Sono molto contenta di ascoltarti. Però, in questo ultimo episodio, non ho capito che cosa vuoi dire nella domanda, alla fine del episodio: “Voi che he ne pensate?” Come mai ‘he’? Grazie mille.

    1. Dove sei stata a fare un corso d’italiano? Per caso all’Italiano Porticando? :)
      ‘He’ è un errore di battitura, lo tolgo, grazie per la segnalazione :)

  2. Ciao Davide! Sono già stato in italiano e anche con alcuni problemi che hai appena analizato su questo podcast, mi è piacciuto tantissimo (specialmente nel centro e nord dell”Italia).

    Vivo in una isola chiamata Florianópolis (capitale del stato di Santa Catarina e localizzata nel sud di Brasile) e non abbiamo nemmeno il tram o il metro. Il transporto pubblico disponibile è basicamente l’autobus, che veramente fa schifo ed è molto costoso. Io basicamento me sposto in moto o in auto.

    Grazie per la lezione. Fammi sapere se ho fatto qualche errore in quello che ho scritto. A presto!

    1. Ciao Rafael. Grazie per il tuo commento. Pensi che la situazione sia meglio in altre città del Brasile?
      Ecco il tuo commento corretto:

      Ciao Davide! Sono già stato in ITALIA e anche HO AVUTO alcuni problemi che hai appena analizZato su questo podcast, mi è piaciuto tantissimo (specialmente nel centro e nord dell”Italia).
      Vivo in un’isola chiamata Florianópolis (capitale delLO stato di Santa Catarina e localizzata nel sud dEL Brasile) e non abbiamo nemmeno il tram o LA metro. Il trasporto pubblico disponibile DI BASE è l’autobus, che veramente fa schifo ed è molto costoso. Io mi sposto in moto o in auto.

  3. Ciao Davide, ho sentito la tua voglia di aver commenti, allora, ecco il mio :-) Sono francese e imparo l’italiano da sola da 3 anni e mezzo. Su internet all’inizio (duolingo), poi, ascoltando podcasts in macchina mentre vado al lavoro. I tuoi podcasts mi piaciono, ascolto i livelli intermedio (va bene) e avanzato (a volte un po’ più difficile). Non leggo mai i testi, perché in macchina, non è possibile ! Grazie mille per il tuo lavoro, e grazie anche a la mamma :-)

  4. Mi è piaciuto questo episodio. Anch’io capisco la tua frustrazione. Lei, secondo me, non sembrava come un brontolone ma invece una persona che vuole le cose migliorino perchè quelle cose, come i trasporti sono in capace di esser migliorate! È una questione di priorità! Penso che sia un buon idea per presentare sia I lati buoni e cattivi.

    PS Ho cercato di rispondere in italiano piuttosto che in inglese come si consiglia

  5. Bravo, Professore Davide,
    Il suo podcast e’ perfetto per quanto riguarda ogni categoria della pedogogia
    della lingua italiana.
    Ed io sono in grado di guidicare il suo talento dovuto al fatto che ho studiato italiano da 1966 !!
    Ma bastano i complimenti – meglio offrirLe una bella donazione !
    Con tutta la mia gratitudine,
    Signora Gigi Reitano

  6. Salve, Davide. Ho iniziato a studiare l’italiano sei mesi fa. Sono stato in Italia quest’anno e ho visto così tante persone che viaggiano in treno e in autobus senza pagare, anche al mattino o al pomeriggio. Ho vissuto in una città dove non c’erano pulman dopo le 18:00. Ho avuto molti problemi così. Mi dispiace per gli errori e ti chiedo di correggermi, per favore. Grazi mille!

    1. Salve, Davide. Ho iniziato a studiare l’italiano sei mesi fa. Sono statA in Italia quest’anno e ho visto così tante persone che viaggiano in treno e in autobus senza pagare (diciamo di solito: SENZA BIGLIETTO), anche al mattino o al pomeriggio. Ho vissuto in una città dove non c’erano pulLman dopo le 18:00. Ho avuto molti problemi così. (meglio: QUESTO MI HA CAUSATO MOLTI PROBLEMI) Mi dispiace (meglio: SCUSAMI) per gli errori e ti chiedo di correggermi, per favore. GraziE mille!

      Sì, molte persone viaggiano senza biglietto ed è una cosa vergognosa. Complimenti per il tuo italiano, il messaggio era quasi perfetto. Di dove sei?

Leave a Reply to MARCIA LIGIA FURLAN Cancel reply