Podcast, Principiante

Lettera dalla mia stanza – Principiante #15


DOWNLOAD

Caro ascoltatore o ascoltatrice,
Dear listener (male) or listener (female)

Ti scrivo dalla mia stanza di Budapest. Come ti ho già raccontato, è da cinque mesi che vivo a Budapest: sono qua per un semestre Erasmus. Ti sto scrivendo dalla mia stanza. Ho un appartamento nel centro di Budapest. Nell’appartamento vivono tre persone. Ognuno ha la propria stanza e il proprio bagno, mentre la cucina è condivisa.
I am writing you from my room in Budapest. As I have already told you, I have been living in Budapest for five months: I am here for an Erasmus semester. I am writing you from my room. I have an apartment right in the center of Budapest. Three people live in the apartment. Everyone (of them) has their own room and bathroom, while the kitchen is shared.

La mia stanza è molto grande ed è abbastanza vuota e spoglia. C’è molto spazio che non so come occupare.  Ho un letto e un divano e qualche tavolino. Quando sono arrivato in questo appartamento ho comprato un tavolo perché non c’era un tavolo vero e proprio.
My room is very big and is quite empty and bare. There is a lot of space that I do not know how to fill. I have a bed and a couch and some small tables. When I arrived in this apartment I bought a table (meaning “desk”) because there was no real table.

Mi serviva un tavolo per studiare e usare il computer. Sono andato da Ikea e ho comprato un tavolo. Non è stato facile trasportarlo a casa mia. Per fortuna la fermata della metropolitana è vicina a casa mia. A casa l’ho montato. Com’è la tua stanza? Vivi in un appartamento o in una casa?
I needed a table (again, desk) to study and use the computer. I went to Ikea and I bought a table. Carrying it to my house was not easy. Luckily the metro station is close to my house. I assembled it at home. How is your room? Do you live in an apartment or in a house?

Nell’appartamento vive un ragazzo iraniano, simpatico e calmo e una ragazza spagnola. Il ragazzo iraniano mi sta simpatico, la ragazza spagnola non molto. A volte porta i suoi amici a casa alle due di notte, fa molto rumore e non avverte nemmeno. Però questi sono i problemi della vita con altre persone che non conosci. Ti può capitare chiunque. Tu hai mai vissuto con altre persone?
My flatmates are (literally: in the apartment live) an iranian guy – calm and easy-going – and a Spanish girl. I like the Iranian guy, the Spanish girl not so much. Sometimes she brings home her friends at two a.m., she’s very loud and does not even warn (us). But these are the problems of living (of the life) with other people you don’t know. You don’t know who you are going to find.* Have you ever lived with other people?

* check out the meaning of “capitare”

Tutto sommato non mi lamento. Vivo in una zona molto centrale, molto vicina alla mia università. Ci metto 3 minuti a piedi per arrivare all’università. Se cammino 5-10 minuti nella direzione opposta arrivo al Danubio, uno dei miei luoghi preferiti di Budapest. Tu ci metti molto per andare a scuola o al lavoro? Se sì, ti consiglio di usare questo tempo per leggere o per ascoltare podcast. Per esempio Podcast Italiano!
All in all, I can’t complain (I don’t complain). I live in a very central area, very close to my university. It takes me three minutes to walk to my university (three minutes on foot to arrive to my university). If I walk 5-10 minutes in the opposite direct I reach the Danube, one of my favorite spots (places) in Budapest. Does it take you a long time to go to school or work? If so, I recommend you use this time to read or listen to podcasts. For example, Podcast Italiano!

Davide

Podcast, Principiante

Lettera dal pullman – Principiante #14

DOWNLOAD

Hello everybody, welcome to Podcast Italiano. This is Davide and this is an episode for beginners. I’m going to read to you a letter in Italian. I’m going to read it slow at first and then at normal speed. I’m also going to ask you some questions. If you want, you can answer the questions on the episode’s page at podcastialiano.com, where you will also find the whole transcription and translation into English. I’ll try to correct your mistakes. It can be a helpful writing exercise.  Buon ascolto!



Caro ascoltatore o ascoltatrice,
Dear listener (male) or listener (female)

In questo momento mi trovo sul pullman*. Sai che cosa vuol dire “pullman”? In italiano c’è anche la parola autobus. Autobus e pullman sono sinonimi, vogliono dire la stessa cosa.
Right now I am (I find myself on
) on a bus. Do you know what “pullman” means? In Italian we also have the word “autobus”. “Autobus” and “pullman” are synonyms, they mean the same thing. (bus)

In questo momento sto andando in Polonia. In Europa è diventato abbastanza comune negli ultimi tempi viaggiare in autobus. Dato che vivo in Ungheria posso andare in molti paesi con il pullman. Qui in Europa ci sono tanti stati piccoli molto vicini l’uno all’altro. Tu viaggi spesso sul pullman?
Right now I am going to Poland. In Europe it has become quite common in recent times to travel by bus. Since I live in Hungary I can travel (go) to many countries by bus (with the bus). Here in Europe there are lots of little states very close to one another. Do you often travel by bus?

Mi piace abbastanza viaggiare sull’autobus, ma ho un problema grande: non riesco quasi mai a dormire. Questo è un problema perché spesso faccio viaggi di notte per risparmiare.
I kind of like traveling on buses (on the bus), but I have a big problem: I can hardly sleep (I can almost never sleep). This is a problem because I often travel by night to save [money].

Di notte di solito i viaggi costano meno. Però dato che sono una persona alta non riesco quasi mai ad essere comodo e a dormire. A volte ho fatto viaggi di 15 ore senza dormire nemmeno un minuto! Tu hai mai fatto viaggi così lunghi? Dove sei andato/a?
By night trips cost less. But since I am a tall person I can almost never be comfortable and sleep. Sometimes I took (made) 15-hour trips without sleeping even a minute! Have you ever taken trips this long? Where did you go?

Perlomeno con i telefoni, tablet*, e-book reader*, podcast*, ecc. c’è sempre qualcosa da fare. Tu come passi il tempo durante i viaggi lunghi?
At least with phones, tablets, e-book readers, podcasts, and so one, there’s always something to do. How do you pass the time during trips this long?

*Foreign words in the plural usually lose the plural “s”.

In pullman a volte si vedono strane cose. Una volta ero seduto all’ultima fila di posti e nel corridoio era sdraiata una ragazza in un sacco a pelo che dormiva. Non avevo mai visto nessuno fare così… tu hai mai visto cose strane in pullman?
Davide

On buses (on the bus) sometimes strange things can be seen. Once I was sitting in the last row of seats and a girl in a sleeping bag was lying in the corridor sleeping. I had never seen anybody do that (do so)… have you ever seen strange things on buses?
Davide


This is it for today, thank you for listening. I recommend you come back to this episode and listen to it many times. That way you’ll memorize the structures and the vocabulary much faster. I also have a small request. If you can, go to the page of Podcast Italiano on Apple Podcasts and leave a review. That will hopefully help other people find the podcast.
Grazie di cuore! A presto! Ciao.

More episodes for beginners

Podcast, Principiante

Lettera dal caffè – Principiante #13


DOWNLOAD

Hello everybody, welcome to Podcast Italiano. This is Davide and this is an episode for beginners. I’m going to read to you a letter in Italian. I’m going to read it slow at first and then at normal speed. I’m also going to ask you some questions. If you want, you can answer the questions on the episode’s page at podcastialiano.com, where you will also find the whole transcription and translation into English. I’ll try to correct your mistakes. It can be a helpful writing exercise.  Buon ascolto!


Caro ascoltatore o ascoltatrice,
Dear listener (male) or listener (female)

Mentre scrivo questa lettera sono in un caffè. In italiano la parola “caffè” significa sia la bevanda, “il caffè”, sia il locale dove si beve il caffè. Il locale si può anche chiamare “caffetteria”, ma in Italia di solito il caffè lo prendiamo al bar. Sei mai stato in un bar in Italia?
While I’m  writing this letter I’m in a cafè. In Italian, the word “caffè” means both the beverage, “il caffè” (coffee) and the place* where you drink coffee. The place can be called “caffetteria”,** but in Italy we usually have coffee at “the bar”. Have you ever been to a “bar” in Italy?
* (a “locale” is an indoor space, like restaurants, bars, cafès, pubs, clubs )
**(which has nothing to do with a “cafeteria”, which in Italian would be “mensa”),

Fuori dall’Italia i bar sono locali dove servono bevande alcoliche, spesso. In Italia i bar sono molto diversi: sono più simili ai cafès, oppure coffee shops in altri paesi. Al bar si può bere il caffè ma si può anche mangiare. Di solito si può fare colazione al bar.
Outside of Italy bars are places that serve (where they serve) alcoholic beverages. In Italy “bars” are very different: they are closer (they are more similar to) to cafès or coffee shops in other countries. At a bar you can have (drink) a coffee but you can also eat. Usually you can have breakfast at a bar. 

In Italia la colazione è dolce. Gli italiani spesso mangiano croissant, biscotti, pane tostato con la marmellata o nutella e cose simili. Anche al bar si può comprare cibo dolce per fare colazione, come croissant o cornetti. A me non piace molto fare la colazione dolce. Preferisco mangiare qualcosa di salato oppure non fare proprio colazione. Tu hai mai provato la colazione italiana? Che cosa preferisci mangiare a colazione?
In Italy breakfast is sweet. Italians often eat croissants, biscuits, toasts with jam, nutella and so on (or similar things). You can have (buy) sweet food for breakfast (to have breakfast) at a bar as well, like croissants or cornetti*. I don’t like eating sugary foods for breakfast (have a sugary breakfast). I prefer eating something salty or not have breakfast at all. Have you ever tried the italian breakfast? What do you prefer eating for breakfast?
*Italian croissants

Al bar si possono anche mangiare dei panini o tramezzini. Di solito non ci sono però primi o secondi piatti come al ristorante. Al bar si può stare tanto tempo seduti al tavolo e parlare del più e del meno, ma si può anche andare al bancone, prendere un espresso e uscire, tutto questo in due minuti. In Italia diciamo “un caffè”, che significa “un caffè espresso”.
At a bar you can also eat panini or tramezzini*. Usually, though, there are no first or second courses** like at a restaurant. You can sit for a long time at a table and chit-chat, but you can also go to the counter, order (take) an espresso and go out in two minutes (all of this in two minutes). In Italy we say “un caffè”, which means “one espresso coffee”.

*Varieties of sandwich.
** In Italy “first courses” might be pasta, riso, gnocchi, soups, etc., “second courses” are usually meat and fish-based dishes.

Ora sono in un caffè a Budapest, molto diverso dai bar italiani. All’estero mi piace che ci sono caffetterie molto moderne, stilose, ben arredate. I bar italiani sono un po’ tutti uguali. Però dei bar italiani mi manca il prezzo del caffè. Un espresso in Italia costa un euro (a volte anche meno), ma fuori dall’Italia costa sempre di più. A me piace molto il caffè, quindi devo spendere un po’ di più qua di quanto spenderei in Italia. A te piace il caffè?
Right now I am at a cafè in Budapest, [which is] very different from Italian “bars”. [When I’m] abroad I like very modern, stylish, nicely furnished cafès. Italian bars are all kind of the same. But one thing I miss about Italian bars is the price of coffee (of italian bars I miss the price of coffee). One espresso in Italy costs on euro (sometimes even less), but outside of Italy it always costs more. I like coffee a lot, so I have to spend a bit more here than I would in Italy. Do you like coffee?

Ci sentiamo presto,
Davide
We’ll talk soon, 
Davide


 

This is it for today, thank you for listening. I recommend you come back to this episode and listen to it many times. That way you’ll memorize the structures and the vocabulary much faster. I also have a small request. If you can, go to the page of Podcast Italiano on Apple Podcasts and leave a review. That will hopefully help other people find the podcast.
Grazie di cuore! A presto! Ciao.

More episodes for beginners

 

Podcast, Principiante

Lettera da Budapest – Principiante #12


DOWNLOAD

Hello everybody, welcome to Podcast Italiano. This is Davide and this is an episode for beginners. I’m going to read to you a letter in Italian. I’m going to read it slow at first and then at normal speed. I’m also going to ask you some questions. If you want, you can answer the questions on the episode’s page at podcastialiano.com, where you will also find the whole transcription and translation into English. I’ll try to correct your mistakes. It can be a helpful writing exercise.  Buon ascolto!


Caro ascoltatore o ascoltatrice,
Dear listener (male) or listener (female)

Nella scorsa lettera ti ho scritto che sono a Budapest. Sai dov’è Budapest? Budapest è la capitale dell’Ungheria. È la città più grande del paese. Qui vivono quasi due milioni di persone. In Ungheria vivono circa dieci milioni di persone.
In the previous letter I wrote you that I’m in Budapest. Do you know where Budapest is? Budapest is the capital of Hungary. It’s the biggest city in the country. Almost two million people live here. 10 million people live in Hungary.

Budapest è una città molto bella, con un’architettura elegante, tante belle viste e molte cose da fare. Sapevi che Budapest in passato erano due città? Buda e Pest, con il fiume Danubio in mezzo. Ora sono una città unica. Mi piace molto vivere qua, mi piace la città in sé e la vita qui.
Budapest is a very beautiful city, with an elegant architecture, lots of great views and many things to do. Did you know that Budapest was two cities in the past? Buda and Pest, with the river Danube in the middle. Now they are one city. I like living here a lot, I like the city itself and the life here.

Come ti ho detto ho studiato qui per un semestre. Sai che cos’è l’Erasmus? L’Erasmus è un programma europeo di scambio studentesco. Se sei uno studente in un’università europea puoi andare a studiare per un semestre o due semestri in un’altra università europea. Sono molto contento che esista questo progetto. Poter studiare e vivere all’estero è una bella opportunità.
As I’ve told you, I’ve studied here for one semester. Do you know what Erasmus is? Erasmus is a European student exchange program. If you are a student in a European university you can go study in another European university for a semester or two semesters. I am very happy this project exists. Being able to study and live abroad is a great opportunity.

Ora purtroppo il mio semestre qui è quasi finito: tra due settimane tornerò in Italia. Però sono contento di aver fatto questa esperienza. Tu hai mai fatto scambi all’estero? Se sì, dove sei andato? Rispondimi alle domande nei commenti sotto l’episodio su podcastitaliano.com
Unfortunately my semester year is almost over: in two weeks I’m going back to italy. But I’m happy to have had this experience. Have you ever been on a school exchange abroad? If so, where did you go? Answer my questions in the comments under the episode at podcastitaliano.com

Davide


 

This is it for today, thank you for listening. I recommend you come back to this episode and listen to it many times. That way you’ll memorize the structures and the vocabulary much faster. I also have a small request. If you can, go to the page of Podcast Italiano on Apple Podcasts and leave a review. That will hopefully help other people find the podcast.
Grazie di cuore! A presto! Ciao.

More episodes for beginners

Podcast, Principiante

Lettera da Davide – Principiante #11


DOWNLOAD

Hello everybody, welcome to Podcast Italiano. This is Davide and this is an episode for beginners. I’m going to read to you a letter in Italian. I’m going to read it slow at first and then at normal speed. I’m also going to ask you some questions. If you want, you can answer the questions on the episode’s page at podcastialiano.com, where you will also find the whole transcription and translation into English. I’ll try to correct your mistakes. It can be a helpful writing exercise.  Buon ascolto!

Lettera da Davide

Caro ascoltatore o ascoltatrice,
Dear listener (male) or listener (female)

mi chiamo Davide, sono il creatore di Podcast Italiano. Ho ventitré anni e sono nato in Italia. Vivo vicino a Torino, una città nel nord-Italia, non lontana dalla Francia. E tu di dove sei? Sei mai stato in Italia? Se sì, dove sei stato? Puoi rispondere a queste domande nei commenti sotto l’episodio.
my name is Davide, I am the creator of Podcast Italiano. I am twenty-three years old and I was born in Italy. I live near Turin, a city in northern Italy, not far from France. Where are you from? Have you ever been to Italy? If so, where? You can answer these questions in the comments below the episode.

Mi piacciono molto le lingue. Conosco l’italiano (la mia madrelingua), l’inglese, il francese, lo spagnolo e il russo. In futuro vorrei imparare altre lingue. Tu conosci altre lingue?
I like languages a lot. I speak (know) Italian (my native language), English, French, Spanish and Russian. In the future I would like to learn more languages. Do you speak (know) other languages?

Mi piace lo sport, mi piace la musica, mi piace viaggiare e tante altre cose.. E a te? Che cosa ti piace? Hai degli hobby o degli interessi?
In questo momento ti scrivo da Budapest. Ho studiato qui un semestre ma tra poco tornerò in Italia.
I like sport, music, travelling and many other things. What about you? What do you like? Do you have hobbies or interests?
Right now I am writing you from Budapest. I have been studying here for a semester but soon I will go back to Italy.

Spero di sentirti presto,
Davide
I hope to hear from you soon,
Davide

This is it for today, thank you for listening. I recommend you come back to this episode and listen to it many times. That way you’ll memorize the structures and the vocabulary much faster. I also have a small request. If you can, go to the page of Podcast Italiano on Apple Podcasts and leave a review. That will hopefully help other people find the podcast.
Grazie di cuore! A presto! Ciao.

More episodes for beginners

Podcast, Principiante

La storia di Italo, cap. 4 – Principiante #9

DOWNLOAD

Capitolo 1
Capitolo 2
Capitolo 3
Capitolo 5

Ciao a tutti. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano. Questo è il quarto capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l’italiano. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. La musica è scritta da me. In questo episodio c’è la partecipazione speciale di Elissa del canale itselissanotalyssa. È un ottimo canale, dateci un’occhiata, ve lo consiglio. Se non avete sentito il primo, il secondo  ed il terzo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com.
Buon ascolto!

Il sole di agosto brucia sulla mia pelle quando arrivo in via Madama Cristina. È una strada molto lunga, vicino al centro della città.
The (hot) august sun burns my skin when I arrive in via Madama Cristina. It’s a very long street, close to downtown.

Cammino cinque minuti prima di trovare il negozio: “Sartoria Su Misura” leggo sopra la porta. Faccio un bel respiro, poi entro.
I walk five minutes before finding the shop: “tailor’s shop ‘Su misura’”, I read above the door.
I take a deep breath, then I go in.

“Buonasera” saluto.
“Buonasera signore, come posso aiutarla?” risponde un uomo anziano, con grandi baffi bianchi. Ha gli occhi azzurri, come i miei. I capelli sono bianchi, ma ricci come i miei. Forse sono stato fortunato… ci spero tanto.
“Good evening,” I greet the owner.
“Good evening sir, how can I help you?” replies an old man, with a big, white moustache. He has blue eyes, like mine. His hair is white, but curly like mine. Maybe I got lucky.. I really hope so.


“Cerco il signor Carlo Baldini” dico.
“Sono io!” sorride l’uomo.
“I’m looking for Mr. Carlo Baldini” I say.
“That’s me!” says the man with a smile.

Inizio a raccontare la mia storia: la guerra, l’infanzia in America, gli indizi che ho e il viaggio in Italia per ritrovare i miei genitori.
I start telling him my story: the war, my childhood in America, the clues I have and the trip to Italy to find my parents.

Quando finisco di parlare, l’uomo inizia a dirmi qualcosa, ma parla troppo veloce e non capisco niente. Lo interrompo: “Mi scusi, non ho capito. Potrebbe parlare più lentamente? Sa, sono straniero…”
When I’m done talking, the man starts saying something to me, but he speaks too fast and I can’t understand a word. I interrupt him: “Sorry, I didn’t understand. Could you speak more slowly? You know, I’m a foreigner…”

“Certo, certo, scusami” sorride ancora, forse è felice di avere ritrovato suo figlio?
Ma le sue parole mi deludono: “Dicevo che purtroppo non sono io tuo papà. Mi dispiace tanto. Io ho solo una figlia, Elisa, che ora vive fuori città.”
“Sure, of course, I’m sorry” he smiles again. Maybe he’s happy to have found his son?
But his words disappoint me: “I was saying that I’m not your dad, unfortunately. I’m sorry. I only have a daughter, Elisa, but she lives out of town.”

‘Non importa’ penso, ho appena cominciato le ricerche. L’uomo però non ha finito: “Aspetta un momento”.
‘That’s not a big deal’ I think, I have only just started my search.
The man is not done: “Wait a minute”.

“Marta!” chiama a voce alta. Da una porta esce una ragazza, alta, magra e dai capelli biondi e lisci.
“Italo, ti presento Marta. Lavora qui da qualche settimana”.
“Marta!” he calls out. A girls comes out of a door. She’s tall, slim, with straight, blond hair.
“Italo, this is Marta. She’s been working here for a few weeks”.

“Piacere, Marta Bianchi”.
Quel cognome riaccende la mia speranza. Carlo Bianchi è uno dei nomi sulla piccola lista che mi ha dato il signore di Mirafiori, la lista con gli uomini di nome Carlo che lavoravano alla Fiat quando sono nato io .
“Marta Bianchi, nice to meet you”. That last name renews my hope. Carlo Bianchi is one of the names on the short list the man at Mirafiori gave me, the list with men named Carlo who used to work at Fiat when I was born.

“Italo, molto piacere. Marta, ti posso dare del tu?”
“Certo”
“Italo, nice to meet you. Marta, can I [dare del tu = addressing each other using the informal “you”]?
Of course!

“Volevo chiederti, qualche tuo parente si chiama per caso Carlo Bianchi? E lavorava magari alla Fiat?” le domando.
“Sì, mio padre! Carlo Antonio Bianchi. Ha lavorato in Fiat prima di partire per la guerra”
Non ci credo, che fortuna!
“I wanted to ask you, do you happen to have a relative names Carlo Bianchi? Who maybe used to work at Fiat?” I ask.
“Yes, my father! Carlo Antonio Bianchi. He worked at Fiat before leaving for the war”
I can’t believe it, what a stroke of luck.

“Purtroppo però è morto due anni fa” aggiunge triste. Divento triste anche io. Ripeto anche a lei la mia storia, lei ascolta attentamente.
“Unfortunately he died two years ago” she adds saddened. I become sad, too. I tell my story to her, too. She listens attentively.

“I miei genitori non mi hanno mai parlato di figli in America. E poi, siamo nati lo stesso anno, sarebbe impossibile. Molte persone si chiamano Carlo Bianchi, però. Forse mio padre non è quello giusto. Mi dispiace, Italo”.
“My parents have never told me about children in America. Besides, we were born the same year, it would be impossible. But there are a lot of Carlo Bianchi’s. Maybe my father is not the right one. I’m sorry, Italo.”

Dispiace anche a me, tanto. Non ho più molta voglia di parlare. Sono deluso, ma ho ancora una piccola speranza, anche se è solo un nome: Carlo Rastrelli, l’ultimo sulla mia lista.
I’m very sorry, too.
I don’t really feel like talking anymore. I’m disappointed, but I still have some hope, even if it’s just a name: Carlo Rastrelli, the last one on my list.

Capitolo 5

 

Podcast, Principiante

La storia di Italo, cap. 3 – Principiante #8


DOWNLOAD

Capitolo uno
Capitolo due
Capitolo quattro

Ciao a tutti. Benvenuti o bentornati su Podcast Italiano, questo è il terzo capitolo de “La Storia di Italo”, una storia di livello principiante per chi impara l’italiano. La storia è scritta e narrata da me, Davide Gemello, ed Erika Porreca. La musica è scritta da me. Se non avete sentito il primo ed il secondo episodio, ascoltateli prima di ascoltare questo. Leggete anche la trascrizione e la traduzione di questo episodio in inglese su podcastitaliano.com.
Buon ascolto!


 

Il mio aereo atterra a Milano, una delle città italiane più famose. Non ho tempo di visitarla, però. Un treno per Torino mi sta aspettando.
My plane lands in Milan, one of the most famous cities in Italy. I haven’t got time to visit it, though. A train to Turin is waiting for me.

Mi piace viaggiare in treno, vedere il paesaggio cambiare fuori dal finestrino. Attorno a me tutti parlano italiano. Cerco di ascoltare e capire il più possibile.
I like travelling by train, seeing the landscape change outside the window. Everybody is speaking Italian around me. I try to listen and understand as much as possible.

Arrivo a Torino alle due del pomeriggio. Il sole splende alto nel cielo, fa caldissimo, sono stanco, ma non sono mai stato così felice.
I arrive in Turin at two in the afternoon. The sun is shining high in the sky. It’s very hot and I’m tired, but I’ve never been this happy.

La stazione di Torino è bellissima, non troppo grande, ma molto elegante. Uscendo, vedo un grande corso e mi sento un po’ smarrito. Non so bene dove andare.
Turin’s train station is beautiful, not too big but very elegant.

“Serve aiuto?” mi chiede una signora, con uno strano accento.
“Do you need help?” asks a lady with a strange accent.

“Deve andare a Fiat Mirafiori” dico, e subito mi accorgo di aver commesso un errore. “Devo andare”, non “deve”.
“I needs to go to Fiat Mirafiori” I say, and I immediately notice that I’ve made a mistake. “I need to go, not needs”.

La signora però ha capito: “Prenda il tram 18 allora. Ferma proprio qui. 6 fermate e poi deve scendere. Le regalo il mio biglietto, non mi serve più.”
But the lady understood anyway: “Get on tram 18. It stops right here. 6 stops and then you get off. You can have my ticket, I don’t need it anymore.”

“Grazie mille!”
“Thank you so much!”

“Arrivederci!”
“Goodbye!”

La signora se ne va e io mi sento molto fortunato.
The lady leaves and I feel very lucky.

Prendo il tram. Attraverso la città con i suoi bei palazzi alti e bianchi e i suoi larghi viali alberati. Quando scendo, vedo davanti a me un edificio di cinque piani, largo e bianco. Enorme. È la Fiat: la fabbrica di automobili più grande d’Italia e la più antica d’Europa. Persone da ogni regione d’Italia sono venute a Torino per lavorare qui. Anche mio padre. Entro dall’ingresso principale.
I get on the tram. I ride across the city, with its beautiful  tall white buildings and its wide tree-lined avenues. When I get off, I see  a wide, white, five-story building in front of me. It’s the largest car factory in Italy and the oldest in Europe. People from all parts of Italy came to Turin to work here. My father, too. I go inside through the main entrance.

Subito, un uomo dai capelli bianchi mi ferma. “Posso aiutarla?”
Immediately, a man with white hair stops me. “Can I help you?”

“Si, sto cercando informazioni su un uomo che lavorava qui circa 30 anni fa.”
“Yes, actually, I’m looking for information on a man who used to work here 30 years ago.”

“Allora mi dica, io lavoro qua da molti anni e ho conosciuto molte persone. Forse posso aiutarla. Ha mica una foto?”

“I’ve been working here for several years and I’ve met many people. Maybe I can help you. Do you have a photo?”

“Purtroppo no. So solo che si chiamava Carlo, era sposato con una donna di nome Paola. Io sono suo figlio, ma non l’ho mai davvero conosciuto. Mi hanno mandato a vivere in America quando è scoppiata la guerra. Ora lo sto cercando.”
“Unfortunately I don’t. I just know that his name was Carlo, he was married to a woman named Paola. I’m his son, but I’ve never met him. They sent me to America when the war broke out. I’m looking for him now”.

Ho provato mille volte queste frasi insieme alla mia insegnante Patrizia, le dico senza fare neanche un errore.
I rehearsed these sentences a thousand times with my teacher Patrizia and I say them without making any mistakes.

“Mmm… Carlo… Paola… trent’anni fa… è passato molto tempo” dice l’anziano.
“Hmm… Carlo… Paola… thirty years ago… it’s been a long time” says the old man.

“Lo so, ma io sono speranzoso” rispondo.
“I know, but I’m hopeful” I answer.

“Ricordo tre uomini di nome Carlo più o meno della mia età: uno ha lavorato qui fino a pochi anni fa, ma ora è in pensione. Un altro, un toscano, si è licenziato negli anni 60 per aprire un negozio di sartoria, che era il suo sogno. Il terzo invece era partito per la guerra, e poi non l’ho mai più visto.”
“I remember three men named Carlo who were about my age: one worked here until just a few years ago, but he’s retired now. And another one, a man from Tuscany, left in the 60s to open a tailor’s shop, which was his dream. The third one left for war and I haven’t seen him since”.

Vengo preso dalla paura: mio padre potrebbe essere morto, potrei non conoscerlo mai.
I freeze in fear: my father could be dead and I may never get to meet him.

L’uomo prende un foglio e inizia a scrivere:
The man takes a piece of paper and starts writing:

“Carlo Rastrelli – in pensione
Carlo Baldini – negozio di Sartoria “Su misura”, via Madama Cristina.
Carlo Bianchi – andato in guerra”

“Carlo Rastrelli – retired
Carlo Baldini – tailor’s shop “Su misura”, via Madama Cristina.
Carlo Bianchi – went to war”.

“Ecco tutto quello che so, spero di esserle stato utile. Buona fortuna, signor…?”
“This is all I know, I hope I was helpful. Good luck, mr….?”

“Italo. Grazie molte. È stato gentilissimo.”
“Italo. Thanks a lot. You’ve been very helpful.”

Inizierò le mie ricerche dal negozio di sartoria, visto che ho l’indirizzo. Non sto nella pelle. Ora ho alcuni indizi e soprattutto tanta, tanta speranza.
“I’ll start my research at the tailor shop, since I know the address. I can’t wait. Now I have some clues and, most importantly, a lot of hope.

 


Anche il terzo capitolo de “La Storia di Italo” è arrivato alla sua conclusione. Speriamo che vi sia piaciuto, a me e ad Erika piace molto fare queste storie e ci divertiamo anche con gli effetti sonori, io con la musica. Pensiamo sia un lavoro simpatico. A proposito, sono in compagnia di Erika in questo momento.

– Ciao.

– Erika che sta dietro alla scrittura dell’episodio, ha scritto la maggior parte di ciò che avete sentito fin’ora, mentre io lavoro sugli altri aspetti. Ma in ogni caso è un lavoro di squadra e penso il risultato sia buono. Vuoi dire qualcosa Erika?

– Sì, spero, come hai detto tutto, che vi piaccia la storia, che la troviate interessante, che vi intrattenga, che sia utile per il vostro italiano e che, appunto, possiate apprezzare il lavoro che facciamo.

– Detto questo, ci vediamo nel prossimo capitolo, nel quarto capitolo de “La Storia di Italo”. Ciao!

– Ciao!