Senza categoria

Lavorare da dipendente e lavorare da libero professionista – RST #68

In questo nuovo episodio di Riflessioni senza Trascrizioni io ed Erika parliamo di com’è lavorare. Sì, perché lei ha iniziato a lavorare e io… beh, io faccio questo, Podcast Italiano. Per la prima volta l’episodio è trascritto! (quindi diventa “riflessioni con trascrizioni”?) Però per accedere alla trascrizione dovete entrare a far parte del Podcast Italiano Club nella categoria “Club d’oro”. Per il momento si tratta di un esperimento, ma se abbastanza persone si iscriveranno continueremo a offrire le trascrizioni. Fateci sapere cosa ne pensate! 

Parole ed espressioni difficili che abbiamo usato nell'episodio:


La concorrenza
= gli avversari (nel business) / competition
Sono passata alla concorrenza.
[3:10]

Libero professionista = lavoratore indipendente / freelancer
Volevamo parlare della vita da lavoratore dipendente contro la vita da lavoratore indipendente, libero professionista.
[4:12]

Tappa = momento importante / phase, stage
È una tappa importante della vita di una persona iniziare a lavorare.
[4:30]

Decoroso = dignitoso respectable, fair
Troverò un lavoro in cui mi pagano in maniera decorosa e non sotto la soglia della decenza?
[5:35]

Assiduo = in maniera costante, abituale / regularly, habitually
Non stavo cercando (lavoro) in maniera assidua.
[6:20]

Cogliere al volo = non lasciarsi scappare un’opportunità / seize, to jump at
C’è stata questa occasione e ho deciso di coglierla al volo
[6:50]

Ciabatta = slippers
Pantofola =
ciabatta morbida 

Concorso = esame competitivo / contest
Studiavo anche per un concorso
[8:50]

Bene o male = più o meno / all in all, after all
Tra lo studio e la tesi bene o male riuscivo a riempire la giornata.
[9:20]

Scadenza = deadline
Volente o nolente = 
che tu voglia o no / willy-nilly
Anche il fatto di avere una scadenza, quindi so che volente o nolente devo finire.
[10:45]
Tutte le persone che fanno i liberi professionisti hanno dei clienti che gli danno delle scadenze.
[14:30]

Turni =  (di lavoro) / shift
Non è la vita di tutti, perché ci sono persone che fanno lavori che comportano dei turni.
[11:40]

prestabilito = deciso in anticipo / established in advance

 

Datore di lavoro = chi ti dà lavoro / employer
Tu non hai orari prestabiliti, non hai un datore di lavoro.
[12:00]

Percorribile = che si può percorrere / feasible, possible
Mi sto convincendo pian piano che forse è una strada percorribile
[12:55]

Attività = business
Se avete una vostra attività, magari mi potete dare dei consigli.
[13:50]

Committente = chi ti chiede un lavoro / customer, client, buyer
Questa è la vita dei creatori di contenuti, che hanno un pubblico di persone e non dei committenti.
[15:55]

Prendere il sopravvento = dominare su qualcos’altro / gain the upper hand
Questa attività può prendere il sopravvento su qualsiasi cosa fai.
[16:40]

Staccarsi/staccare (la spina / dal lavoro / da qualcosa) = (qui) fare una pausa / take a break from something
È molto difficile staccarsi veramente.
[17:50]
Continui a pensarci, anche se vorresti staccare e poi non stacchi mai.
[21:30]

Netto = chiaro, preciso / clear-cut
Immagino che non siano categorie così nette e definite.
[18:30]

Affibbiare = dare senza che qualcuno voglia 
A me sembrano stupidaggini, perché si cerca di affibbiare un’etichetta a un gruppo di persone molto eterogeneo.

Ferroviere = chi lavora nelle ferrovie / railway worker
Fare il ferroviere ti dava un’identità
[19:05]

Esulare da = non appartiene / falls outside
Noi abbiamo un’identità che esula dal lavoro che facciamo.
[19:10]

Accessorio (agg.) = secondario, opzionale / extra
Il lavoro è come se fosse una cosa più accessoria, ma non è quello che ci definisce.
[19:30]

Inglobare = assorbire / absorb, incorporate
Se no si rischia di essere inglobati dal proprio lavoro.
[19:33]

Spiegarsi = esprimersi in maniera chiara / make yourself clear
Non so se mi spiego.
[20:30]

Ritrovarsi in qualcosa = trovo che sia vero, rivedersi in qualcosa / to relate
Non sono una sociologa, io mi ci sono ritrovata.
[20:40]

Forgiare = lavorare il metallo (lett.), dare forma al carattere (qui) / to mold, to shape
Forgi, crei, plasmi, modifichi il tuo carattere.
[22:55]

Venale =relativo ai soldi 
C’è l’aspetto molto venale dello stipendio.
[23:15]

Mantenersi = guadagnare da vivere / support yourself
Non dobbiamo mantenerci, non abbiamo questo problema al momento.
[23:45]

Tirare a campare = sopravvivere con fatica / to get by
E poi i liberi professionisti, che devono sempre tirare a campare.
[25:05]

Dare per scontato = take for granted
Non devi dare per scontato la fortuna o quello che sei riuscito a ottenere e a fare.
[26:45]

Galleggiare = stare a galla / to float
Vanno avanti, galleggiano nella vita senza fare nulla.
[27:35]

Alimentare = fomentare, istigare (qui, lett. “to feed”) / to foment, to foster
Non è giusto accettare condizioni da fame solo perché si è disperati, perché se no si alimenta questo sistema.
[29:50]

Tirocinio = stage / internship
Qualche mese fa tu avevi fatto un tirocinio.
[29:00]

Dignitoso = rispettable / respectable, fair (vedi dignitoso poco sopra)
Secondo me uno stipendio dignitoso è più verso i 1500 (euro al mese)

Indecente = irrispettoso, immorale / outrageous, indecent
Valutare = (qui) considerare / evaluate, consider
Era una proposta indecente, che però io avevo valutato.
[33:20]

Amor proprio = self-respect
Bisogna anche avere una certa dignità e amor proprio.
[34:00]

Abbassarsi a fare= umiliarsi / humiliate yourself
Non bisogna abbassarsi a fare cose che non sono moralmente giuste.
[34:20]

Scioglilingua = tongue-twister
C’è un famoso scioglilingua con la parola campare.
[35:40]

Tocca (a qualcuno) = è il tuo turno / it’s your turn
Adesso tocca a te.
[36:15]

 

Trascrizione:

Davide: Ciao a tutti ragazzi e ragazze, benvenuti o bentornati su Podcast Italiano. Questo è un nuovo episodio della rubrica “Riflessioni senza trascrizioni” in cui io ed Erika di solito parliamo di ciò che ci piace, ciò che ci interessa senza avere un copione, senza avere nulla, spontaneamente quindi. E di solito non abbiamo trascrizioni, dico di solito perché, questo potrebbe cambiare e di fatto cambierà, perché ho deciso di iniziare a commissionare a qualcuno la scrittura delle trascrizioni e ho deciso di farlo perché: da un lato so che ci sono persone che non capiscono tutto e che vorrebbero avere le trascrizioni di questi episodi, e so anche che è utile per me, perché il mio obiettivo è rendere Podcast Italiano qualcosa di sostenibile economicamente, quindi qualcosa che effettivamente può essere logico fare anche come lavoro. Tra l’altro sarà anche questo l’argomento dell’episodio di oggi. Quindi se vi può interessare, sul Podcast Italiano Club, è appena comparsa una nuova categoria. Fin’ora c’erano tre categorie, ovvero tre somme che potevate decidere di pagare ogni mese in cambio di varie ricompense, e adesso è comparsa una nuova categoria ovvero il “Club d’Oro” che vi permette di avere tutte le ricompense che hanno tutti gli altri club, più anche le trascrizioni delle “Riflessioni senza trascrizioni”. Ovviamente di quelle nuove, non di quelle vecchie, e l’idea e il nostro obiettivo è quello di fare due episodi di “Riflessioni senza trascrizioni” al mese. Due episodi al mese, due trascrizioni al mese. Il Club d’Oro costerà 9$ al mese, quindi avrete come ho detto le trascrizioni delle “Riflessioni Senza Trascrizioni” ma avrete anche il Podcast esclusivo “Tre parole”, avrete la versione audio dei video, avrete i PDF dei video, avrete sconti sul merchandise e avrete l’accesso anticipato ai video, anche altre cose. Quindi per maggiori informazioni andate sul sito. Sul sito del Club, su Patreon avrete un link nella descrizione di questo episodio e sono molto grato a tutte le persone che decideranno o che considereranno almeno la possibilità di far parte del Club d’Oro di Podcast Italiano, del Podcast Italiano Club. Ora ci sentiamo l’episodio, buon ascolto.

Davide: Erika!

Erika: Ciao Davide.

Davide: Come hai detto tu stessa è da un sacco di tempo che non vieni a parlare davanti a un microfono.

Erika: Sì è vero molto tempo.

Davide: ma spiegaci un po’ com’è successo, cioè che cosa hai fatto in tutto questo tempo.

Erika: beh diciamo che non siamo più.

Davide: hai trovato un podcast migliore?

Erika: esatto, sono passata alla concorrenza. E no in realtà non ci siamo più visti molto per registrare perché ultimamente sono molto occupata perché ho iniziato a lavorare.

Davide: Wow!

Per la trascrizione completa iscriviti al “Club d’oro” del PI Club

Leave a Reply