Episodi senza trascrizioni, Podcast

Nuovo progetto di Erika (con Erika) – Riflessioni senza trascrizioni #54


DOWNLOAD

Erika ha aperto un blog e oggi ve ne parla. Per visitarlo clicca QUI.
Questi sono invece i due episodi sulla timidezza che ho accennato:
Essere introversi (con Erika) – Riflessioni senza trascrizioni #21
Essere introversi, parte 2 (Con Erika) – Riflessioni senza trascrizioni #28

4 thoughts on “Nuovo progetto di Erika (con Erika) – Riflessioni senza trascrizioni #54”

  1. Ciao Erica, ciao Davide,
    ascolto sempre il vostro podcast. Mi da la possibilità di ascoltare la lingua in un modo che riesco capire e anche su argomenti che m’interessano.
    C’è anche un podcast “mindfulness Bergamo” che posso raccomandare non solo per la lingua ma soprattutto per i pensieri saggi.

  2. Volevo solo condividere con te la mia opinione che il tuo sito sia il migliore di questo genere! Sono anni che cerco di migliorare la mia conoscenza di questa lingua. E posso dirti che secondo me tu crei (o voi create) il contenuto piu’ coinvolgente e utile per chi come me conosce gia’ un pochino d’italiano e vuole arricchirlo. Amo moltissimo il modo in cui introduci espressioni e parole che, pur essendo una parte centrale dell’italiano che tutti parlano ogni giorno, non appaiono quasi mai ne’ nei libri di testo ne’ in lezioni in aula. Sto pensando agli utilizzi di “starci,” “magari,” “vabbe’,” e tante tante altre…
    Voglio anche sottlineare quanto mi piace le interazioni fra te ed Erika–e fra te a le diverse persone che intervisti. Voi siete tutti molto simpatici. E’ un piacere ascoltarvi, pure quando non siete (ora sto parlando di te ed Erika :)) d’accordo al cento percento! :)
    Insomma: grazie mille per l’ottimo lavoro che fai. Per favore, continua cosi’!!

    1. Grazie Brett! Mi ha fatto molto piacere leggere il tuo commento. È bello sentire che quello che facciamo aiuta altre persone. E sì, quello che hai descritto è proprio l’obiettivo dei miei “usi colloquiali”.
      PS: Scrivi benissimo! Continua così :)

Leave a Reply to Bernd Ockelmann Cancel reply