Intermedio, Podcast

Capisco bene ma parlo male. Qualche consiglio – Intermedio #26 (VIDEO)

Fai una lezione di italiano con me su Italki e ottieni gratuitamente 10 $ in crediti di italki!

Capisco bene ma parlo male. Oppure…. capisco bene, ma parlare è frustrante. Credetemi quando vi dico che sento queste frasi praticamente tutti i giorni quando faccio lezione. Ma com’è che (how come, why) ci sono così tante persone che hanno questo problema?

Ciao a tutti, io mi chiamo Davide e questo è Podcast Italiano, un canale youtube oppure podcast dove potete ascoltare l’italiano e imparare attraverso i contenuti autentici che creo per voi. E oggi come avete capito l’argomento del nostro episodio è parlare. Parleremo di parlare! Vorrei fare alcune considerazioni su questo argomento che magari vi aiuteranno.

La prima è che questo problema è assolutamente universale, come ho detto, quindi non siete strani, siamo, così mi includo nella categoria, perché anche io imparo altre lingue. Ma pensate anche alla vostra lingua madre (mothertongue). Immagino che voi siate in grado (you are able to) di leggere un romanzo (novel) e di capire quello che succede (happens) in un romanzo. Ma difficilmente voi siete in grado… sarete in grado di scrivere un romanzo come quelli che leggete di scrittori famosi, e questo è perché le due cose sono diverse. Cioè, capire è molto più facile rispetto a parlare (o scrivere).

Tutte le persone che parlano bene in una lingua straniera sicuramente hanno faticato (struggled) tantissimo, quindi quello che vedete è la punta (the tip) dell’iceberg, non vedete l’enorme massa che sta sott’acqua (underwater) e l’enorme quantità di lavoro che c’è stata. Quindi prima iniziate a parlare meglio è, se non l’avete ancora fatto. Cercate di superare la fase più frustrante e stressante all’inizio perché poi vi divertirete molto di più e sarà molto più facile. Capire bene e saper parlare bene sono due abilità molto diverse, e volevo spiegarvi questa cosa utilizzando un’immagine che ho sentito in un video, una conferenza in russo. Praticamente dovete immaginarvi… Pensiamola così.

[SOLO NEL VIDEO] Queste sono tutte le parole, le frasi, le strutture che voi capite. Quindi quando le sentite le capite. All’interno di questo cerchio c’è un altro cerchio che potremmo chiamare “cerchio di padronanza”. E queste sono le cose che voi effettivamente sapete dire. La maggior parte delle persone sono in questa situazione, sanno dire poche cose rispetto a quelle che capiscono*. Il nostro obiettivo è far crescere questo cerchio di padronanza, arrivare a una situazione così. Come facciamo quindi a ingrandire questo cerchio più piccolo, il cerchio della padronanza? Bisogna parlare.

Di nuovo, questo era il punto a cui tornerò sempre e non bisogna commettere l’errore che io ho commesso, che molti commettono, e che è quello di ascoltare, ascoltare, ascoltare e non fare altro, ovvero non parlare, perché se voi ascoltate un’ora al giorno una lingua per un anno migliorate di tanto così la vostra comprensione di quello che ascoltate, la vostra abilità nel parlare magari migliorerà tanto così o di tanto così. Quindi le due cose assolutamente non vanno di pari passo (don’t go hand in hand). Ascoltare, ascoltare, ascoltare vi darà una situazione di questo tipo: capirete tantissime cose, ma saprete dire più o meno sempre le stesse.

Secondo me è facile cadere nella tentazione (fall into the temptation) di ascoltare ascoltare e appunto avere tanto input passivo, perché nella nostra era basta andare (you just go) su YouTube, basta aprire un’applicazione di podcast e ci sono un milione di cose che possiamo ascoltare e video che possiamo vedere e questo è utile, vi aiuterà a migliorare la vostra comprensione, ma non a parlare meglio. Quindi bisogna parlare e sicuramente è più facile andare su YouTube rispetto a organizzare una chiamata con un amico, ma bisogna fare questo lavoro di organizzazione.

Parlare con qualcuno, organizzare una chiamata con un insegnante, oppure con un amico, oppure andare a un evento linguistico nella vostra città richiede più organizzazione, sicuramente è più facile andare su YouTube e mettersi a guardare un video. Però c’è una pratica molto utile che non richiede nessuna organizzazione, non dovete trovare un momento nella vostra settimana per parlare ma potete farlo sempre. Sto parlando di parlare da soli.

Ebbene sì, parlare da soli non è una cosa strana, non è una cosa da pazzi (it’s not a crazy thing to do), ma è una cosa molto utile. Magari fatelo quando non c’è nessuno che vi sta ascoltando. Il motivo per cui è utile è che non c’è la pressione che c’è quando parlate con un insegnante o con una persona vera, cioè voi avete tempo di pensare, avete tempo di cercare le parole che vi servono, potete rendervi conto (realize) di ciò che sapete dire e ciò che non sapete dire e andare sul dizionario a cercare una parola, una frase, quindi avete tutto il tempo e tutta la calma del mondo, e questa è una cosa molto molto importante.

Una cosa che potete fare è anche registrarvi e metterlo (mettere il video) (qui: upload) su YouTube, mandarlo ad altre persone e chiedere a queste persone di lasciare un commento oppure di valutare la vostra performance. C’è un canale di un americano che ha fatto questo ed è diventato addirittura famoso in Italia.

Poi c’è l’annoso dibattito (age-old debate): parlare fin da subito oppure aspettare? Io penso che dipenda da voi. La vostra priorità è parlare oppure no? Perché se non vi interessa allora in questo video non è molto rilevante per voi, ma se volete parlare prima o poi dovete iniziare. Quando iniziare dipende da voi, dalla vostra personalità: ci sono persone come me che non amano parlare fin da subito quando non sanno dire nulla e aspettano di avere un minimo di vocabolario; ci sono persone che amano dire due cose in croce (just a few things), saper parlare di sé, sentire se stessi parlare in una lingua straniera, perché è una sensazione davvero sorprendente (surprising), davvero esaltante (exiciting, exilarating). Quindi questo dipende da voi.

Se non parlate fin da subito (from the very beginning) vi consiglio però una strategia utile, che è quella dello shadowing, che consiste praticamente nell’ascoltare qualcosa e ripetere a pappagallo (parrot back) tutto quello che sentite. Quindi mettete un video e provate a ripetere imitando la pronuncia, l’intonazione, tutti gli elementi. In questo modo iniziate ad allenarvi ad imitare suoni, ad imitare intonazioni, anche se in realtà non parlate e quindi iniziate a sviluppare questo aspetto, diciamo un po’ più attivo, anche se non è del tutto attivo.

Parlare da soli è bello però ovviamente dovete anche parlare con qualcun altro e vi consiglio di fare due cose:

  • provare a fare uno scambio linguistico, trovare una persona con cui parlate nella vostra lingua e nella lingua che state imparando: lo svantaggio (drawback) è che dovete dedicare metà del tempo a parlare un’altra lingua, il vantaggio (benefit) è che è gratis, potete utilizzare applicazioni come HelloTalk, oppure Tandem, su Italki c’è la funzione anche di trovare partner linguistici. È difficile, ma a volte si riescono a trovare persone con cui si parla per mesi.
  • seconda cosa, fate lezione su Italki oppure su altri siti. Fare lezione online, lezioni individuali, è molto più economico (cheap) rispetto a fare lezioni individuali nella vita reale con un insegnante che viene a casa vostra.

Quinto consiglio che vi voglio dare è accettate il fatto che in una lingua straniera non parlerete mai, probabilmente, a meno che non facciate sforzi davvero immensi (huge efforts), come parlate nella vostra lingua madre. Quindi non potrete essere altrettanto eloquenti (as articulate), altrettanto precisi, utilizzare un linguaggio qualitativamente come quello che usate nella vostra lingua madre. E purtroppo è così. Una volta che avrete accettato questo fatto, sicuramente avrete molta più calma e non vi farete problemi (you won’t worry too much), non vi preoccuperete se non sapete la parola esatta, il termine esatto, non vi preoccuperete se usate una collocazione che non esiste perché l’importante alla fine è farsi capire (make oneself understood), questa è la cosa più importante: le lingue sono un mezzo di comunicazione. Ovviamente cercando di migliorarsi ma cercando di usare quello che si sa e senza usare l’inglese se si riesce. Quindi parafrasate, sviluppate questa skill perché è davvero molto molto utile nelle lingue straniere.

Riassunto: se non parlate mai non parlerete mai bene.

Davide Gemello, 2019

E se anche voi avete questo problema pensate davvero di capire molto meglio rispetto a quanto sapete dire, provate a pensare: quanto spesso parlate in italiano? Una volta alla settimana, una volta al mese, mai? Ed è per questo che voglio indire una challenge su Instagram. Ho preso questa idea da una mia amica russa, Maria, che fa una cosa simile in francese. Io voglio farla in italiano, voglio fare una challenge per cui voi dovete ogni giorno oppure il più (spesso) possibile per 30 giorni registrare delle storie su Instagram, parlare in italiano, fare un monologo breve di qualche secondo – il tempo di una storia su Instagram – dire quello che volete che (può essere) quello che avete fatto oggi, un libro che avete letto, un piatto buono che avete mangiato, provare a parlare in italiano, mettere l’hashtag #speakingitalianfor30days – voglio che questa cosa duri 30 giorni – e taggare Podcast Italiano. Io riposterò il vostro video e vi incoraggerò (I will encourage you) e sicuramente questa cosa vi darà un sacco di motivazione, di autostima (confidence), e sono sicuro che ci divertiremo facendo questa cosa. Quindi podcast_italiano, #speakingitalianfor30days.

E niente, parlate parlate parlate, ci vediamo su Instagram e… alla prossima!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...