Interviste, Podcast

L’estate italiana – Intermedio #29

Listen to this episode on Apple PodcastsSpotify, or any podcast app of your choice.

[Intro improvvisata senza trascrizione. Il testo inizia a 04:00]

Fai una lezione di italiano con me su Italki e ottieni gratuitamente 10 $ in crediti di italki!  

Merchandise

Il blog di Erika (di livello molto avanzato)

Siamo a luglio, il caldo non ci dà pace, c’è luce fino a tarda sera, le scuole sono finite… siamo proprio nel bel mezzo dell’estate! 
Ogni stagione ha le sue caratteristiche, ma d’estate si respira proprio un’aria particolare, e se qualcuno non lo sapesse basterebbe un secondo per guardarsi attorno e capire in quale periodo dell’anno ci troviamo. L’estate italiana, in particolare, è caratterizzata da alcuni elementi che si ripropongono ogni anno e, appunto, contribuiscono a creare quell’atmosfera e quel sapore di estate inequivocabili. Vediamone alcuni!

Nel bel mezzo di = right in the middle of…
Si respira = you can breathe, you can feel…
Basterebbe un secondo = an instant would be enough
Si ripropongono = ritornano, si presentano
Inequivocabile = unmistakable

  • Le feste di paese: con le temperature miti delle sere d’estate, a tutti viene voglia di uscire e incontrarsi per le strade del paese, sentire buona musica e mangiare all’aperto. E infatti in estate pullulano le feste di paese o le cosiddette sagre: feste che hanno per tema qualcosa di specifico, molto spesso un cibo (lo sapete, noi italiani siamo un po’ fissati) e durano magari anche più giorni, con musica dal vivo, bancarelle, cibo di strada. Anche le cosiddette “notti bianche” possono rientrare in questa categoria. Dato che siamo italiani e non russi le nostre “notti bianche” non hanno nulla a che fare con il colore del cielo: sono semplicemente delle sere (solitamente una a settimana, dipende dalla città) in cui i negozi e le attività commerciali rimangono aperti fino a tardi ed è possibile quindi fare shopping anche dopo cena (di solito in italia i negozi chiudono verso le 19/20). 
  • I dehors: perché dover rimanere chiusi tra quattro mura (=muri) quando si può stare fuori e godere dell’arietta estiva guardando i passanti camminare affaccendati nella città in movimento? D’estate i bar e i ristoranti mettono in strada, davanti al locale, tavolini e sedie per far accomodare i clienti all’aperto. I dehors possono essere rialzati, chiusi da vetrate, coperti da ombrelloni, non importa: l’importante è stare all’aperto. La parola “dehors” non sembra molto italiana e infatti chiaramente non lo è: deriva dall’avverbio francese “dehors” che in italiano si può tradurre semplicemente come “fuori”. Bisogna anche specificare che la parola è di uso corrente nel nord-Italia, o perlomeno a Torino, mentre in altre regioni sembra essere molto meno diffusa e sostituita con “esterno”. In ogni caso, diversi dizionari di italiano la riportano proprio con questo significato. 

Feste di paese / sagra = town festival
Pullulare = to be crawling with – qualcosa c’è in grandi in quantità
Essere fissato = essere ossessionato
Bancarella = stand, stall, booth
Arietta = brezza – breeze
Affaccendato = busy – una persona che ha tante cose di fare, tante “faccende” ed è quindi molto occupato, non ha tempo, è “affaccendato”
Far accomodare = to seat someone
Rialzato = raised – ad un livello più alto
Riportare = to be listed – indicare, contenere

  • I tormentoni estivi: non sarebbe davvero estate senza le tipiche canzoni estive che un po’  fanno venire un’irrefrenabile voglia di ballare e un po’ danno tremendamente sui nervi per l’insistenza con cui vengono trasmesse in continuazione dalle radio. Negli ultimi anni sono le canzoni reggaeton, in spagnolo, ad andare per la maggiore: si sentono ovunque nei negozi, nei bar, nelle discoteche, sulle spiagge. Non c’è modo di sfuggirgli, insomma! Ma anche gli artisti italiani solitamente sfornano la loro hit estiva proprio per l’occasione: si tratta sempre di canzoni allegre, ritmate, che raccontano di mare, sole, feste e sono confezionate apposta per essere ballate e cantate per la durata di un’estate.

Tormentone estivo = summer hit. Ma un “tormentone” è qualcosa che “tormenta”, che si ripresenta in maniera fastidiosa. Può anche essere quindi una “catchphrase”
Irrefrenabile = uncontrollable – che non si può frenare
Dare sui nervi = get on someone’s nerves
Andare per la maggiore = to be all the rage – essere il più popolare
Sfuggire (a qualcosa) = escape from something
Sfornare = churn out – creare, produrre, fabbricare (di solito a ritmi elevati)
Confezionare = lett. “wrap up”, in questo caso “pensate”, “prodotte” con uno scopo preciso

  • I programmi televisivi: anche chi lavora in televisione va in vacanza e dunque di solito in estate la programmazione tv è abbastanza ridotta. I programmi più seri si congedano con un “arrivederci a settembre” e lasciano il posto a programmi più leggeri: festival di musica, barzellette, concorsi per aspiranti vallette, film estivi. E poi, da non dimenticare, l’appuntamento con le partite di calcio: fino a luglio, quando si giocano i Mondiali o gli Europei, non si può mancare all’appuntamento! Gli italiani seguono con il fiato sospeso ogni partita della nazionale nelle calde serate estive, sperando ogni volta di arrivare in finale e vincere la tanto sognata coppa. 
  • I gelati: ai primi segnali di caldo i bar e le televisioni sono già pronti: è il momento dei gelati! I bar tirano fuori i loro “tabelloni” con le immagini e i prezzi di tutti i gelati confezionati (industriali) che vendono, mentre in tv le aziende che li producono fanno a gara per trovare ogni anno pubblicità che rimangano impresse nella mente degli italiani. Iconico è il cosiddetto “cornetto”: no, non quello che si mangia a colazione con il cappuccino, ma un gelato industriale che ricorda nella forma il classico cono gelato. Ci sono poi le gelaterie che offrono gelati artigianali, nei tradizionali coni o coppette: per le strade di qualunque città italiana in estate è impossibile non incrociare almeno una persona che cammina gustandosi un bel gelato da passeggio! In alternativa ai gelati, nei bar si possono anche trovare le granite o i ghiaccioli, entrambi a base di ghiaccio e sciroppo a vari gusti, che offrono un po’ di refrigerio e sollievo dalla calura estiva. 

Questi sono alcuni dei tratti distintivi dell’estate italiana, sono quelle cose che fanno subito dire: sì, è ufficiale, siamo in estate!

Congedarsi = take leave, say goodbye
Valletta = TV showgirl
Mancare all’appuntamento = miss the appointment
Con il fiato sospeso = in suspense, with baited breath
Tratti distintivi = distinguishing features

Li conoscevate già tuttti? Sono gli stessi nel vostro paese? Ne conoscete o ne avete notati degli altri? Fateci sapere in un commento sul sito!

[Outro senza trascrizione]


Leave a Reply