Mi sa che, magari!, ci sta – Usi colloquiali #8

DOWNLOAD

Ciao a tutti, bentornati su Podcast Italiano. In questo episodio di “usi colloquiali” parleremo di alcune espressioni colloquiali che sono “mi sa che”, “magari!” e “ci sta”.

Mi sa che..

Iniziamo da “mi sa che”, che come tutte le espressioni che vi propongo è molto usata nel linguaggio colloquiale e in questo caso è molto semplice. “Mi sa che” significa “credo che”. Facciamo subito alcuni esempi:

“Mi sa che Marco è andato a correre perché non è a casa”.
“Mi sa che non verrò stasera al cinema, ho troppe cose da fare”
“Mi sa che dovremo rinunciare alla nostra gita (give up on our trip, excursion), domani pioverà tutto il giorno”

“Mi sa che” quindi significa “credo che”, “penso che”, “probabilmente..”, ecc. Si usa davvero moltissimo ma per qualche motivo è una di quelle espressioni che gli stranieri non usano. Dato che è un’espressione molto comune potete usarla per sembrare più ‘italiani’ nel vostro modo di parlare.
“Mi sa che” si usa sempre alla prima persona e sempre al grado affermativo. Dunque NON possiamo dire “NON mi sa che”. Diciamo infatti “mi sa che” e dopo “non”, come nel secondo esempio che ho fatto: “Mi sa che non verrò al cinema”. Inoltre, il verbo che segue è all’indicativo. Può sembrare strano perché “mi sa che” esprime indeterminatezza (conveys uncertainty) e potremmo aspettarci al congiuntivo, però non è così.
Possiamo anche dire “Mi sa di sì“, che è come “credo/penso di sì” oppure “Mi sa di no”.
Inoltre, “Mi sa che” si usa solo alla prima persona. Non possiamo dire “Ti sa che”, “Ci sa che”, ecc. Solo “mi sa che”.

Magari!

Un’altra parola colloquiale molto comune – e fate attenzione all’intonazione – è “magari!”. L’intonazione è molto importante. Penso conosciate il significato principale di “magari”, che è simile a “forse”, “è probabile che”, “è possibile che”. “Magari domani andrò al cinema”, questo tipo di magari. Però oggi vi voglio parlare però di un uso molto particolare di “magari”, un uso sarcastico, per così dire. Come sempre preferisco partire da un esempio prima di spiegarvelo.

“Davide, me lo sento (I have a feeling), questa volta vincerai la lotteria e guadagnerai un sacco di soldi”
“Ma magari! Gioco sempre e non vinco mai..”

“Dicono che il concerto non si farà (won’t take place) se non smette di piovere entro mezz’ora. Speriamo che smetta”
“Se, magari! Il cielo è tutto grigio! Pioverà tutto il giorno!”

“Ti ho sentito cantare e sei davvero bravissimo. Dovresti andare a un talent (show), diventeresti famosissimo!”
“Magari!”

A proposito, talent è la versione accorciata di “talent show”. È un fenomeno comune in italiano, questo “accorciamento(shortening), e se volete scoprire come mai succede ascoltate l’episodio sugli anglicismi. 

Dunque, a parte questa “self-promotion”, torniamo a ‘magari’. Che cosa vorrà mai dire ‘magari’? ‘Magari’ è una contrazione di ‘magari fosse così’, ‘magari succedesse quello che dici tu’. In altre parole, speriamo che vada così, in una certa maniera, ma non nutriamo molte speranze (we don’t have high hopes). Non ci crediamo molto. Siamo un po’ pessimisti, magari. Oppure semplicemente non sappiamo. Ci sono diverse varianti: “Ma magari!”, “See, magari!”, “E magari!”. Ognuna ha una sfumatura (nuance) leggermente diversa. Vi consiglio di ascoltare come gli italiani usano queste espressioni per coglierle (catch/grasp/get them = capirle). Tra l’altro ripetendo la parola ‘magari’ così tante volte ha smesso di sembrarmi una parola reale (stopped sounding like a real word), succede anche a voi? ‘Magari’, sembra una parola finta, falsa.

Ci sta

Passiamo all’ultima espressione: “ci sta”. Questa è abbastanza colloquiale e probabilmente usata soprattutto dalle generazioni più giovani, ma è talmente comune che mi sembra giusto definirla un “uso colloquiale” e non etichettarla (label it) come “slang”. facciamo alcuni esempi:

“Potremmo mangiarci una pizza stasera, che ne dici? (what do you say?)
“Sì, ci sta!”

“Secondo voi ci sta fare un kg di pasta per 8 persone? O è troppo?”
“No no, ci sta un kg. Meglio troppa che troppo poca. “

“Io alla prima domanda dell’esame ho scritto tipo 10 righe. Secondo te basta?”
“Sì, io ne ho scritte un po’ di più ma direi che 10 ci stanno”.

Come avrete capito ‘ci sta’ significa ‘va bene’, ‘può andar bene’, ‘è sufficiente’, ‘basta. ‘Ci può stare’ è simile ma aggiunge un grado di maggiore incertezza. Attenzione, però, perché esiste un secondo significato di ‘starci’, ovvero ‘essere d’accordo a fare qualcosa’, ‘ci sto’.

“Ti va di venire in montagna con noi?”
“Sì, ci sto.”
Non è molto bello ma in linea puramente teorica (theoretically) potremmo dire “Sì, ci sta! Ci sto, domani vengo con voi”

Al contrario “Non ci sto” vuol dire “non sono d’accordo”, “non lo accetto”. È simile anche a “Non mi sta bene”, che vuol dire “Non mi va bene che le cose siano/stiano così”. A proposito di “non ci sto”, c’è un video famoso di un ex-presidente della repubblica

“A questo gioco al massacro io non ci sto. Io sento il dovere (I feel the need not) di non starci”

Che significa “Non accetto questo gioco al massacro”, che per aprire una brevissima parentesi storica, si riferisce alle accuse anche nei suoi confronti durante l’inchieste (investigation)mani pulite“, famosa inchiesta contro la corruzione in Italia all’inizio degli anni ’90. Lui non ci stava, non era d’accordo.

Concludiamo con il super-dialogo riassuntivo classico in cui uso tutte queste parole ed espressioni.

“Ciao Fabio, allora domani tu e Stefania andate in montagna?”
“No, mi sa di no. Mi sa che domani il tempo non sarà buono. Tu invece che fai?”
“Io credo andrò alla mostra d’arte (art exhibit) che hanno aperto da poco. Magari trovo un quadro fatto da te.. non dipingi (paint) quadri?”
“Eh, magari! No, non sono abbastanza famoso e bravo da dipingere quadri che finiscono in mostre d’arte. Comunque potremmo venire anche io e Stefania alla mostra se non andiamo in montagna e dopo potremmo unirci a voi (join you). E dopo potremmo andare a mangiarci una pizza”
“Certo, ci sta! Stavo anche pensando, la prossima settimana ti ricordi? Ti andrebbe di andare allo stadio?”
“Mmm, sì dai, perché no, ci sto. Ci può stare. Però mi sa che sarà una partita dura! Non so se vinceremo”
“Sì, sì, mi sa di sì. Sarà una partita dura, però ci sta andare alla stadio ogni tanto, io non vado molto spesso”
“Nemmeno io. Però vorrei andare alla finale di Champions League quest’anno. Verresti con me?”
See, magari! No, la finale di Champions League costa troppo. Poi bisogna prendere l’aereo e trovare un albergo.. no, mi sa che costerebbe un po’ troppo per me”
“Però almeno la prossima settimana vieni con me allo stadio! Ok?”
“Sì sì dai, la prossima settimana ci sta. Allora compriamo i biglietti.

Questo era tutto per oggi. Ho una piccola richiesta da farvi: se vi piacciono i miei podcast (che sono completamente gratuiti!) vi chiedo gentilmente di lasciare una recensione su iTunes. Questo aiuterebbe il podcast ad essere scoperto da altre persone. Dunque aiutate il caro vecchio Davide che fa questi podcast così belli (o almeno spero lo siano). Inoltre iscrivetevi sul canale YouTube. Grazie per l’ascolto e alla prossima!

4 pensieri su “Mi sa che, magari!, ci sta – Usi colloquiali #8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...